sabato 24 febbraio 2018

Uguale, no?

In Inghilterra, chi occupa una casa paga una tassa che si chiama Council Tax: copre la nostra ICI/IMU, la TARI, la TASI, e il passo carraio (dimentico qualcosa? Se non dimentico niente siamo già in vantaggio per 4 tasse a una). Come in Italia, dipende dalle caratteristiche della casa, essenzialmente dimensione e collocazione.
Dopo un paio di settimane dal nostro arrivo nella prima casa, abbiamo ricevuto la comunicazione per il pagamento, con la descrizione delle modalità e le possibili rateazioni. Avendo un contratto di 6 mesi, abbiamo optato per il pagamento in due rate. A fine gennaio abbiamo traslocato e, come per la prima casa, a distanza di pochi giorni abbiamo ricevuto non una ma due comunicazioni: la prima riguardava la tassa sulla nuova casa, la seconda, invece, ci informava che sulla vecchia casa avevamo maturato un credito di 287 Pounds e ci chiedevano cosa volevamo farne: richiedere il rimborso oppure trasferire il credito su un altro "conto".
Abbiamo deciso per il rimborso, così, per vedere come funziona.
Così mio marito ha telefonato al numero indicato, ha comunicato la nostra decisione e ha trasmesso l'iban del conto corrente.
E, 5 giorni dopo la telefonata, abbiamo ricevuto il bonifico.

4 commenti:

  1. Cara Flo, credo che certe cose succedono solo in Italia, di sicuro che vincerà le elezioni non potrà fare miracoli! Questa è l'Italia.
    Ciao e buona domenica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Altrove molte cose funzionano meglio che da noi. E non ci vuole molto ingegno ;)
    Mi chiedo perché non si prenda esempio dai Paesi civili, anziché arrotolarsi su norme inique e farraginose come le nostre...
    Vorrei poter copiare e incollare, se mi autorizzi, questo tuo post sull'ultimo articolo che ho pubblicato.
    Chissà che a qualcuno non venga la felice idea di imitare la burocrazia del Regno Unito. Anche se ne dubito...
    Grazie, un caro saluto e a presto rileggerti. Bellissime le foto delle paperelle che mi hai inviato!
    Francesco

    RispondiElimina
  3. Copia, fai pure. E non perderti il prossimo: racconterò di un controllo ortottico e del conseguente acquisto di occhiali da vista!

    RispondiElimina